Quando uscire di casa è reato

24 Marzo 2020

Poiché all’epoca della preparazione del codice penale non poteva prevedersi una norma che comprendesse la situazione di pandemia che oggi si è venuta a generare, bisogna riferirsi a quanto il Legislatore ha predisposto con l’art.650 C.P..

Tale articolo – che è il primo contenuto nel libro delle contravvenzioni –prevede o l’arresto fino a 3 mesi, o in alternativa l’ammenda fino a 206 €.

Il Governo con le misure introdotte con i vari D.C.P.M. ha imposto a tutti i cittadini che vogliono uscire di casa, la compilazione di una autocertificazione, in cui si evidenzino dettagliatamente i motivi dell'allontanamento dalla propria abitazione.

Questo viene vissuto naturalmente dalla singola persona come una limitazione della propria libertà personale.

Coronavirus, quando è possibile uscire di casa

Se il cittadino viene denunziato per aver violato le disposizioni contenute nel D.P.C.M. del 23/02/2020 n.6 e successive modificazioni, tale rapporto sarà consegnato alla magistratura, la quale emetterà un decreto penale di condanna, o addirittura potrebbe chiedere il processo.

Contro il decreto penale di condanna è possibile fare opposizione chiedendo di potersi difendere in giudizio.

Altra soluzione, la più sbrigativa, è quale di poter chiedere con l’ausilio di un avvocato di essere ammesso ad un’oblazione pecuniaria pare a 103 €, con la quale si estinguerebbe la pena ed il reato, trasformando l’episodio in una sanzione amministrativa.

In tal modo, oltre a non celebrarsi più il processo penale, non rimarrebbe alcuna traccia della denuncia nei certificati penali. Per ulteriori informazioni i professionisti dello studio legale sono a vostra disposizione anche in questi giorni di emergenza.

 

Avv. Davide De Caprio
L'avvocato De Caprio penalista oltre a essere titolare dell’omonimo Studio Legale con sede a Roma, è da anni avvocato abilitato al patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori; patrocinio che esercita abitualmente assistendo le parti nella predisposizione dei ricorsi e nelle discussioni innanzi alla Corte di Cassazione con sede a Roma.
Ha difeso in circa 70 processi in quasi tutte le Corti d’Assise di Italia.
Ha difeso personaggi molto noti (della finanza, della politica, dello sport e dello spettacolo) anche in procedimenti di grande rilevanza mediatica. Il campo elettivo di attività è il diritto penale d’impresa: ha difeso numerosi amministratori e dirigenti in noti processi penali per reati societari, fallimentari, bancari, finanziari, tributari, informatici, urbanistici, ambientali e doganali..

Penalista Cassazionista

Lo Studio Legale De Caprio, è pronto a sostenerti e difenderti nel processo penale. Siamo specializzati in: reati sessuali, traffico di droghe, reati patrimoniali e d'impresa.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram