I delitti contro la pubblica amministrazione

Tra le fattispecie di reato contenute nel titolo II del Codice penale vi sono una serie di reati che vedono coinvolti i pubblici ufficiali.
Si tratta di reati che sanzionano la mala gestio nell’ambito della pubblica amministrazione e vi sono ricomprese una serie di condotte che vanno dalla corruzione, al peculato, alla concussione.

Ciò che contraddistingue tutte queste fattispecie di reato è la partecipazione attiva del pubblico ufficiale o dell’incaricato di pubblico servizio, il quale invece di perseguire gli interessi dello Stato e dell’amministrazione pubblica cede ai propri interessi privati, accettando denaro o la promessa di una illecita dazione di denaro per favorire od avvantaggiare il privato a scapito della cittadinanza.

L’interesse che il Legislatore ha voluto tutelare con l’istituzione di questi reati è proprio quello del corretto funzionamento della cosa pubblica.

La corruzione

L’art.319 c.p. punisce il pubblico ufficiale che commette un atto contrario ai doveri del proprio ufficio (od omette di compiere un atto del proprio ufficio) ricevendo in cambio del denaro o la promessa di un pagamento. È importante sottolineare come non sia necessario il pagamento illecito, ma per integrare il reato è sufficiente anche solo promettere al pubblico ufficiale infedele il pagamento di una somma di denaro.

Negli anni si sono succedute una serie di leggi che hanno inasprito le pene previste per la corruzione portandole con l’ultima riforma introdotta dalla legge n.69 del 27 maggio 2015 (meglio conosciuta come “spazzacorrotti”) fino ad un massimo di 10 anni di reclusione.
L’art.321 c.p. prevede che le pene stabilite per i corrotti siano da applicarsi anche nei confronti dei corruttori che quindi rispondono in concorso con i primi del reato di corruzione.

La “spazzacorrotti” ha introdotto anche un’altra modifica sostanziale inserendo il delitto di corruzione all’interno dell’art.4 bis ord. penit. ove sono previsti tutti i reati per i quali vige il divieto di sospensione dell’esecuzione dell’ordine di carcerazione e quindi l’impossibilità di chiedere misure alternative alla carcerazione come l’affidamento in prova al servizio sociale.

Quando invece il pubblico ufficiale viene remunerato dal cittadino per commettere un atto specifico della sua funzione e quindi riceve denaro o altre utilità o ne accetta la promessa per esercitare la propria funzione commette sempre il reato di corruzione (impropria) ma con delle conseguenze per l’amministrazione pubblica sicuramente meno gravi e per questo le pene previste dall’art.318 c.p. sono meno elevate rispetto a quanto previsto dall’art.319 c.p..

Il peculato

L’art.314 c.p. punisce il pubblico ufficiale (o l’incaricato di pubblico servizio) che avendo per ragioni inerenti la sua funzione la disponibilità di denaro o altra cosa mobile altrui se ne appropria impossessandosene senza motivo.

Anche in questo caso lo scopo della norma è tutelare l’amministrazione della cosa pubblica, impedendo un danno erariale per la collettività.

La concussione

Con il reato previsto dall’art.317 c.p. si è posto l’accento sul potere che può indebitamente esercitare il pubblico ufficiale sulla collettività. La condotta che viene punita è quella che viene definita “metus pubblicae potestatis” ovvero il timore che si ingenera nel cittadino quando il pubblico ufficiale abusando del suo ruolo costringe taluno a promettere o consegnare denaro od altre utilità. 

A differenza di quello che accade con il reato di corruzione, con il quale viene punito l’accordo illecito tra il corrotto ed il corruttore, nel caso della concussione invece il privato cittadino è vittima del pubblico ufficiale, che ingenera un timore nel soggetto tale da indurlo a consegnare del denaro per evitare ulteriori conseguenze nefaste.

L’abuso d’ufficio

L’art.323 c.p. è una norma generale rispetto a quelle previste negli articoli precedenti, in quanto delinea una fattispecie di reato che non sia già integrata dagli art.314 – 317 – 318 – 319 c.p.

Di fatti il Codice stabilisce che possa essere punito per abuso d’ufficio il pubblico ufficiale che non abbia commesso reati più gravi (quali la corruzione, il peculato o la concussione) e violando specifiche regole di condotta previste da leggi o atti aventi forza di leggi, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto, procuri a sé stesso od a un terzo soggetto un ingiusto vantaggio patrimoniale, ovvero arrecando un danno ingiusto.

Come si può notare in questo caso il Legislatore ha voluto ricomprendere tutte quelle condotte illecite che non sono previste nelle fattispecie di reato delineate precedentemente, ma che rappresentano sempre un’anomalia nelle gestione della cosa pubblica.

SETTORI DI INTERVENTO DELLO STUDIO LEGALE DE CAPRIO

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Per reati contro la pubblica amministrazione si intendono tutte quelle fattispecie di reato che puniscono le condotte illecite dei pubblici ufficiali infedeli.
Per saperne di più

REATI FINANZIARI

Con i reati finanziari il Legislatore ha voluto punire tutte quelle condotte delittuose che danneggiano il patrimonio avendo come interesse quello di tutelare le realzioni commerciali
Per saperne di più

REATI SESSUALI

I reati sessuali ricomprendono una serie di fattispecie di reato che tutelano la libertà sessuale del cittadino, con particolare attenzione ai delitti che offendono la sfera sessuale dei minorenni.
Per saperne di più

REATI CONTRO LA PERSONA

Il codice penale prevede una moltitudine di reati contro la persona che vanno dalla lesioni personali allo stalking ed hanno come scopo quello di tutelare l'integrità fisica e la libertà personale.
Per saperne di più

GIUSEPPE MIGLIORE

Avvocato Penalista
Warmly little before cousin suspect entire men set. Blessing it ladyship 
Avv Giuseppe Migliore
Avv. Mario De Caprio
Warmly little before cousin suspect entire men set. Blessing it ladyship on.

MARIO DE CAPRIO

Avvocato Penalista e Cassazionista

DAVIDE DE CAPRIO

Avvocato Penalista e Cassazionista
Warmly little before cousin suspect entire men set. Blessing it ladyship on.

IL PRIMO PASSO PER RISOLVERE IL VOSTRO PROBLEMA!

Per un APPUNTAMENTO può contattarci telefonicamente, via whatsapp o potete compilare il form
Via Trionfale 81 - 00136 Roma
06 39723008

Contatti

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

News

3 Gennaio 2023
Guida in stato alterato dovuto all’assunzione di sostanze stupefacenti

Il codice della strada all’art.187 D.lgs. n.285/1992 sanziona colui che si pone alla guida guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. Mettersi alla guida di un’autovettura dopo aver assunto sostanze stupefacenti rappresenta sempre un reato punito dal codice penale con la pena dell’arresto da 6 mesi ad 1 anno. All'accertamento del reato consegue in ogni caso […]

30 Dicembre 2022
Guida in stato d’ebbrezza

Il codice della strada all’art.186 del Decreto legislativo n.285 del 30/04/1992 prevede la guida in stato d’ebbrezza. Mettersi alla guida di un’autovettura in stato d’ebbrezza può rappresentare, oltre ad una contravvenzione del codice della strada, un reato penale che comporta quindi la celebrazione di un processo in Tribunale. Il codice della strada prevede una soglia […]

24 Ottobre 2022
Le pene sostitutive delle pene detentive

Una delle modifiche introdotte al codice penale dalla riforma Cartabia riguarda la l’introduzione di pene sostitutive delle pene detentive. Uno dei primi scopi che si è posto il Legislatore con la riforma del codice Penale è proprio la possibilità di trovare soluzioni alternative alla detenzione. La possibilità di applicare delle pene sostitutive a quelle detentive […]

9 Giugno 2022
L'amministratore ed il reato di bancarotta

Il fallimento è uno strumento giuridico che viene speso interpretato in modo errato e negativo nel contesto sociale e coinvolge l'amministratore ed il reato di bancarotta. Di converso il fallimento è uno strumento creato in difesa del fallito e non a suo discapito. Purtroppo il più delle volte una pessima gestione in concreto diventa un […]

Penalista Cassazionista

Lo Studio Legale De Caprio, è pronto a sostenerti e difenderti nel processo penale. Siamo specializzati in: reati sessuali, traffico di droghe, reati patrimoniali e d'impresa.
envelopearrow-uparrow-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram